Tar Lombardia, Milano, sez. I, sent. n. 2831 del 28.11.2023

PROFESSORE ORDINARIO – NOMINA COMMISSIONE – PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE - ATTO INDIRIZZO MIUR – MECCANISMO SORTEGGIO - SETTORE CONCORSUALE 13/D1 - SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE SECS-S/01 – UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA – ACCOGLIMENTO

L’interesse a contestare il procedimento di formazione della Commissione giudicatrice sorge con l’atto lesivo della posizione giuridica dedotta in giudizio che, nel caso di specie, coincide con l’atto di approvazione della graduatoria di merito dei vincitori della lezione in cui non compare, come vincitore, il ricorrente. I vizi di illegittimità degli atti amministrativi che si pongono a monte dell’atto lesivo tra cui il decreto rettorale di nomina della Commissione si risolvono in vizi di illegittimità di quest’ultimo e possono essere fatti valere, senza necessità peraltro di una loro espressa impugnazione, nell’ambito del ricorso proposto avverso l’atto lesivo.

Le previsioni del Piano Nazionale Anticorruzione (PNA), se non recepite nei Piani anticorruzione triennali, non possono costituire ex se parametri di legittimità degli atti delle pubbliche amministrazioni assunti in violazione di questi ultimi. Allo stesso modo le previsioni contenute nel PNA, e trasfuse nell’Atto di indirizzo n 39 del 14 maggio 2018 del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, non hanno contenuto ex se vincolante verso le amministrazioni universitarie. Trattandosi di un “atto di indirizzo” le misure contenute nel PNA sono “suggerite e non imposte”, la cui adozione viene “raccomandata”, rimanendo le Università libere di adottare misure anche diverse, purché idonee a prevenire in modo efficace i rischi tipici evidenziati dal PNA, quale obiettivo da raggiungere. Pertanto, il difetto di esame delle raccomandazioni e la mancanza di una motivazione puntuale a giustificazione della decisione, rimasta implicita, di discostarsi da una contraria indicazione precisa contenuta nel PNA, recepita anche in un atto di indirizzo del MIUR, deve essere effettivamente considerato sintomo di sviamento di potere.

Argomenti
, , , , , , ,
Contatta lo Studio
Condividi
Facebook
LinkedIn
WhatsApp
Telegram
Articoli correlati
12 Gen
ABILITAZIONE SCIENTIFICA NAZIONALE – GIUDIZIO COLLEGIALE – CARENZA DI MOTIVAZIONE – SETTORE CONCORSUALE 13/D1 – ACCOGLIMENTO
22 Dic
PROFESSORE ORDINARIO – VALUTAZIONE DEI TITOLI – DISAMINA ANALITICA TITOLI – VALUTAZIONE COMPLESSIVA – UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO – SETTORE CONCORSUALE 02/A2 – SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE FIS/02 – RIGETTO
Osservatorio sulla giurisprudenza amministrativa in materia di concorsi universitari e ASN
Massime recenti

Tar Toscana, sez. V, sent. n. 220 del 26.2.2024

RICERVATORI DI TIPO B – IMPUGNAZIONE DEGLI ATTI SUCCESSIVI AL DECRETO RETTORALE DI APPROVAZIONE DEGLI ATTI – DISCREZIONALITA’ TECNICA – SETTORE CONCORSUALE 08/C1 – SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE ICAR/10 – UNIVERSITÀ DI PISA – INAMMISSIBILITÀ PER SOPRAVVEUTA CARENZA DI INTERESSE – RIGETTA

Ultime News